Il costo nascosto, una pratica tipicamente Italiana

il costo nascosto


Questo articolo non vuole fare pubblicità ad Iliad ma farci riflettere su come, l’ingresso di questo operatore nel mercato Italiano, abbia dato uno scossone a tutti gli altri operatori che fino a ieri non facevano altro che imbonirci con le loro offerte spacciandole come se i “giga” fossero una delle cose più preziose al mondo degni di essere venduti a caro prezzo (e spesso soltanto ai bravi, belli e meritevoli)!

In un battibaleno tutti gli operatori, nell’arco di pochi mesi, hanno trasformato le loro offerte mettendosi a “donare” giga a pochi euro (come se non ci fosse un domani!) mentre, fino a ieri, li centellinavano creando in noi la convinzione che il giga valesse quanto l’oro!

Ormai la verità la sanno tutti: gli operatori di telefonia, come molte altre aziende analoghe (e ci possiamo mettere dentro anche assicurazioni, banche, gestori di luce, gas e acqua) stanno sempre di più assomigliando a società di marketing senza scrupoli dove l’importante non è fornire un determinato prodotto o servizio prestando attenzione alla qualità ma convincere il cliente che quanto proposto sia un qualcosa di straordinario e che l “offerta speciale” del momento sia un qualcosa da prendere al volo.

Quando parliamo di aziende senza scrupoli ci riferiamo a quante si permettono di attivare servizi a pagamento non richiesti, di non inserire in modo chiaro, trasparente ed inequivocabile tutto il dettaglio dei costi in bolletta o negli estratto conti bancari.

 

Le aziende che operano onestamente non si fanno problemi ad indicare tutti i costi o a rendere trasparenti i contratti, a fornire un assistenza di qualità a consentire al cliente di recedere dai contratti in modo semplice.

Se esiste qualche azienda di questo tipo che opera in modo serio e limpido ci faccia sapere, ce lo dimostri e noi la pubblicizzeremo volentieri nel nostro sito…gratis!

Ci permettiamo di dire che forse funzionavano meglio le vecchie aziende come la SIP che quando chiamavi perchè avevi bisogno di ricevere assistenza potevi parlare con una persona in carne ed ossa mentre ora, notiamo bene, puoi parlare soltanto con l’ufficio commerciale dove trovi sempre qualcuno che gentilmente ti aiuta ad attivare la migliore offerta del momento!

Siamo nell’era dei contratti farlocchi, dove non si capisce mai cosa si sta pagando, a cosa ci si sta abbonando, se si potrà risolvere il contratto (senza dover finire in psicoterapia!). Siamo nell’era dei centralini automatici che quando abbiamo bisogno di aiuto ci mettono in contatto con una voce preregistrata tipo: “premi 1 per questo, premi 2 per quello, premi 3 per quell’altro”…e se ti va bene alla fine premi il 9 o il cancelletto e magari riesci anche a parlare con un operatore, il tutto allietato da qualche odiosa musica di sottofondo che ti entra nelle orecchie come un trapano.

Paghiamo i pedaggi più cari d’Europa, in merito alle bollette di luce, gas e acqua non ne parliamo, abbiamo delle banche che assomigliano a delle “slot machine” (dove ogni volta che fai un’operazione si trattengono anche qualche euro), gestori di telefonia che alla fine sembrano essere tutti d’accordo sulle tariffe e comunque molto abili a farci pagare l'”aria fritta digitale”!

La sana concorrenza è un qualcosa di positivo e si traduce sempre in un vantaggio per il consumatore ma a quanto pare, nel nostro bel Paese, questo meccanismo sembra non funzionare, sembra essersi inceppato parecchi anni fa e non ci resta che accogliere, con le braccia aperte, quelle aziende che pensano prima di tutto al cliente e ai suoi bisogni tralasciando di fare profitti in modo ingannevole o subdolo.

Insomma…la prossima volta che attivi un servizio fai attenzione ai costi nascosti 🙂

P.S. Hai un’esperienza da raccontare in merito? Scrivila in un commento a fondo pagina! Grazie



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.